Febbraio 2019: Nel mondo esistono oltre 250 social network. Trovi qui la lista completa, non ci sono statistiche più aggiornate, ma l’elenco serve a darti un’idea di quanti strumenti siano li a tua disposizione a patto che tu abbia scelto una nicchia specifica.

Infatti se Facebook, Instagram e Youtube la fanno da padrone non è detto che i tuoi potenziali clienti non amino altri social meno frequentati ma più concentrati sull’argomento che hai scelto di promuovere

Per restringere un pò il campo qui sotto trovi un’immagine (fonte hootsuite) dove puoi vedere social network più usati in Italia. Concentriamoci su quelli per ora

Come vedi, social network non significa solo Facebook o Instagram

COSA FARE E COSA NON FARE NEI VARI SOCIAL CHE POSSIAMO SCEGLIERE

Partiamo da un dato di fatto: FACEBOOK è ancora oggi indispensabile. Ha il miglior sistema di ricerca clienti che esista sul mercato, con una profilazione estremamente accurata. Quindi una pagina facebook è la prima cosa che devi fare

Dimenticati che questa cresca senza spenderci soldi, potrai invitare gli amici, chiedere qualche condivisione, ma oggi per chi vuol fare business, facebook è di fatto un social a pagamento

5 euro al giorno per tutto l’anno sono il budget minimo per avere un riscontro

Occorre però tenere presente che se si fanno i facebook ads con un minimo di studio preventivo i risultati in termine di acquisizione di lead interessati è pressochè certa.

Poi toccherà ad ognuno di noi trasformarli in clienti con un funnel, ma questo lo vedremo più avanti

Io NON SONO UN ESPERTO DI FACEBOOK ADS ho scelto di rivolgermi ad una social media manager che mi gestisce le campagne.

Se vuoi fare da sola o da solo non posso che consigliarti caldamente questo corso introduttivo per evitare poi di spendere soldi in pubblicità che non funzionano

 

ll secondo social è instagram che sembra facile da usare ma per essere notati occorre lavorarci sopra molto e bene. Per prima cosa bisogna pubblicare con costanza, almeno 1 immagine ed 1 storia al giorno, in caso contrario si viene sommersi da migliaia di concorrenti, poi occorre usare con attenzione gli hastag.

Instagram ti permette di usare fino a 25 Hastag per ogni post, USALI, per sceglierli ti consiglio di usare questo sito gratuito in italiano TAGSFINDER. Ti aiuterà e non poco. Se hai un’attività locale usa anche gli hastag che vi si riferiscono, tipo #modena #emilia #castelfrancoemilia, nel mio caso

Non spendere soldi, ne per i corsi ne per acquistare followers, piuttosto cerca qualche microinfluencer nella tua zona e proponigli delle collaborazioni scambiando prodotti o facendole degli sconti, se poi porta risultati concreti potrai investire anche qualche soldo su di lei.

E’ il social più usato dalle donne tra i 25 ed i 45 anni, un target di persone particolarmente predisposte a spendere soldi per se stesse

Youtube: Sai che è il secondo motore di ricerca al mondo dopo Google?

Tutti gli utenti di internet se non trovano qualcosa su google passano a cercarlo su youtube. 

In italia sono circa 35 milioni di contatti ogni santo giorno. 35 milioni di potenziali clienti

Lo scoglio più grosso è quello della realizzazione di video che possano creare interesse, ce ne sono già a migliaia di ogni tipo. 

E’ quindi un social “costoso” perchè dovrai realizzare video perfetti e spenderci soldi in pubblicità ma se per esempio il tuo target è la cucina regionale, prendi in considerazione di creare video tutorial sul tuo tipo di cucina.

Sono lo strumento più veloce per raggiungere potenziali clienti

Twitter e Linkedin li lascerei stare per il momento. Il nostro obiettivo è trovare cliente per vendere i nostri prodotti e i nostri servizi.

Twitter è ormai un social “politico – informativo” adatto a chi è interessato alle notizie dal mondo ed ai vaniloqui dei vari politici

Linkedin è ottimo se hai un’azienda medio-piccola, se cerchi clienti B2B o se cerchi un lavoro e questo non è il nostro caso.

Tiktok è in aumento vertiginoso ma è un social usato soprattutto da giovanissimi nella fascia 13-20 anni. Un pubblico che non ha – si presume – soldi da spendere. Quindi non vedo come promuovere li i nostri prodotti o i nostri servizi.

Un domani magari svilupperà qualcosa di interessante. Sarà mia cura informarvi subito

QUALI SOCIAL USO IO?

Facebook dal 2011, io odio facebook è dispersivo e pieno di persone che hanno tempo da perdere e odiano qualsiasi cosa si muova con un minimo di criterio

Aspettatevi commenti di ogni tipo sotto le vostre pubblicità. 

Li dentro è pieno di frustrati pronti a scaricare la loro rabbia contro chiunque

Però da risultati, ottimi risultati e porta contatti e lead da dove io voglio che vadano

Instagram: Ho due profili instagram, uno personale con 1780 follower ed uno appena aperto per supportare la mia nuova Scuola di Internet. Non acquisto follower, uso tutti i tags possibili, seguo le persone che mi interessano, ma non ho mai avuto un risconto concreto ( ovvero clienti paganti ) da questo social

Il mio target gira altrove ma non puoi non averlo, in fondo è gratis.

Youtube: non lo uso, o meglio lo uso solo per caricare i video pubblici che poi metterò sul sito o invierò via mail agli iscritti

Oggettivamente non posso permettermi di fare concorrenza a colossi che possono pubblicare 1 video al giorno, non ne ho le possibilità e nemmeno la competenza

Lo uso parecchio per seguire dei canali di marketing che mi interessano ma vedo che anche questi (tranne lodevoli eccezioni) non hanno molto seguito

Non ho mai pensato di spendere soldi su Youtube

 

NEL PROSSIMO ARTICOLO VI RACCONTERO’ IN DETTAGLIO DUE SOCIAL MENO CONOSCIUTI MA CHE POSSONO PORTARE DAVERO CLIENTI IN MANIERA INASPETTATA. CON DUE CASI CONCRETI

 

Intanto iscrivetevi alla mia scuola di Internet. E’ gratis e lo sarà per sempre

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.